Annunci
Pier78

Lapalissiano, cosa significa e da dove deriva l’aggettivo

la palice lapalissiano
Lapalissiano, storia di un aggettivo che nasce riferito a Jacques de La Palice ed è frutto di una grande svista.

Lapalissiano. Quante volte, nel corso della vita o degli studi, ti sarà capitato di sentire o utilizzare questo aggettivo per indicare qualcosa di ovvio e scontato?

Ebbene, sappi che la storia di questo aggettivo è tutta diversa da come si possa pensare.

Lapalissiano, derivazione del termine

L’aggettivo lapalissiano, conosciuto anche come “verità lapalissiana” o “verità di La Palice“, deriva da Jacques II de Chabannes de La Palice (modernizzato in Lapalisse).

Jacques II de Chabannes fu un militare, maresciallo di Francia, signore di La Palice, Pacy, Chauverothe, Bort-le-Comte e Le Héron.

Combatté al servizio del Re di Francia per oltre quarant’anni fino a che, nella battaglia di Pavia del 1525, si arrese e venne assassinato pur avendo deposto le armi.

Un combattente, dunque, la cui storia probabilmente sarebbe stata dimenticata come quella di tanti caduti per difendere patria o il proprio sovrano.

Ma questo non è il caso di Jacques de La Palice.

Lapalissiano, errore sulla lapide

Furono i suoi uomini a voler ricordare il suo valore in battaglia e gli dedicarono una cantica che sarebbe dovuta essere incisa sulla lapide.

In francese i versi citavano:



Hélas, La Palice est mort,
il est mort devant Pavie;
hélas, s’il n’estoit pas mort
il ferait encore envie.

Che tradotto in italiano diventa:

Ahimè, La Palice è morto,
è morto davanti a Pavia;
ahimè, se non fosse morto
farebbe ancora invidia.

Una bella dedica, sicuramente. Ma qui arrivò l’errore, senza sapere a chi attribuire la colpa se non all’incisore.

Infatti non si sa se questi fosse distratto, ubriaco o nutrisse antipatia nei confronti di La Palice, fatto sta che sulla lapide la parola envie (invidia) venne scritta con lo spazio (en vie, in vita). E il verbo “ferait” (farebbe) fu inciso come “serait” (sarebbe) forse per via di una somiglianza tra la lettera “f” e la lettera “s”.

La risultante fu quello che è stato tramandato ai nostri giorni, da cui appunto è derivato l’aggettivo che significa ovvio, scontato. Anzi, ancora di più.

Dall’errore infatti emerge una tautologia, perché la cantica sarebbe:

Ahimè, La Palice è morto,
è morto davanti a Pavia;
ahimè, se non fosse morto
sarebbe ancora in vita.

Adesso l’origine di Lapalissiano è molto più semplice da comprendere, proprio per l’errore passato alla storia “se non fosse morto, sarebbe ancora in vita” e che ha portato La Palice ad essere ricordato per questo e non per le sue gesta.

Annunci

Pier

Mi chiamo Pierpaolo ma per tutti, da sempre, sono Pier. L'anagrafe dice che io sia nato - come suggerisce il sito - nel 1978 ma spesso ho dei dubbi. Da sempre sono appassionato di tecnologia. Nel 2005 mi sono innamorato di Apple e da allora non ho mai smesso di seguirla.
Sono stato editor su iSpazio, il primo blog italiano del mondo Apple per cui ho pubblicato notizie e redazionali.
Sono papà di Leonardo, il mio amore più grande.
Le mie altre passioni sono la lettura e la scrittura. Mi piace la musica e il calcio. Tifoso della Juventus, sono stato arbitro di calcio, cosa che mi ha permesso di mettere un po' da parte il tifo e vedere lo sport da un'altra angolazione.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: