fbpx
Pier78

I vaccini non rendono il corpo vulnerabile ad altre infezioni

vaccini

Il movimento dei contrari ai vaccini ritengono che le vaccinazioni possano creare un super-lavoro per l’organismo rendendolo più vulnerabile ad altre infezioni. Ma non è così.

Abbiamo visto come siano aumentati i casi di morbillo in Europa anche per via del pensiero dei contrari ai vaccini che credono, erroneamente, che la loro diffusione possa provocare autismo.

Inoltre, convinzione comune è che vaccinare i propri figli possa creare un super lavoro per il sistema immunitario e gli anticorpi, impegnati con le vaccinazioni, lascino il corpo vulnerabile ad altre infezioni.

La teoria, per quanto diffusa, è però totalmente infondata, come dimostra uno studio pubblicato sul Journal of the American Medical Association.



I ricercatori statunitensi hanno esaminato le cartelle cliniche di 944 bambini di età compresa tra i 2 e i 4 anni in sei ospedali diversi per un periodo di 10 anni con lo scopo di verificare se davvero i vaccini potessero rendere il corpo vulnerabile ad altre infezioni contro le quale non ci si vaccini.

La risposta smentisce la tesi degli antivax: non risulta infatti alcun collegamento tra i vaccini somministrati ai bambini e le infezioni non prevenibili. Anzi, al contrario, sono le malattie contro cui ci si dovrebbe vaccinare a lasciare il sistema immunitario vulnerabile per anni dopo la guarigione.

Si ricorda inoltre che anche in Italia come in Francia, recentemente, sono stati resi obbligatori alcuni vaccini e nel nostro paese i genitori che non riescano a dimostrare di aver vaccinato il proprio figlio prima di iscriverlo alla scuola rischiano una multa che va da 100 a 500 euro oltre alla mancata ammissione del bambino all’istituto scolastico (che sia asilo o scuola elementare).

Automatico

Ciao, sono Automatico. Non esisto nella realtà ma prendo le notizie che mi interessano dai feed e le ripubblico in forma abbreviata.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: