Ciao Laura

Ciao Laura.

Le nostre strade non si incrociavano ormai da tempo e le ultime volte il nostro è stato quasi sempre un lieve saluto, appena accennato.

Quasi come due estranei o come due semplici conoscenti. Abbiamo condiviso poco, cinque anni di scuole elementari e poi qualche attimo fugace, il tempo di un lieve saluto, appunto.

Ma i bambini, crescendo, non saranno mai semplici conoscenti. Chi cresce insieme, salvo qualche raro caso, si riconoscerà sempre e resta per sempre amico.

Ecco perché la notizia di oggi, con i dettagli che ne sono seguiti, mi ha fatto gelare il sangue.

Non voglio scendere nei pochi particolari di cui sono venuto a conoscenza ma il mio pensiero oltre che verso di te, è rivolto al tuo compagno o marito e al bimbo che san pochi mesi era entrato a far parte della vostra famiglia. Della vostra vita. Della tua.

Con un Dio che un attimo prima offre il dono più grande che una donna possa desiderare e un attimo dopo, vigliaccamente, strappa a quel piccolo innocente il bene più prezioso che dalla nascita possa avere. La sua mamma.

Preferisco non dilungarmi sui pensieri che a Lui abbia rivolto oggi, pensandoci, perché sì, lo ammetto, sono stato anche scurrile, volgare, cattivo.

Non è così che credevo Dio potesse agire, non è così che ce l’hanno raccontato e per quanto se ne possa dire probabilmente tutto il bene assoluto che dovrebbe o avrebbe dovuto offrirci è stato solo una menzogna. Bella e buona.

Perchè o quel Dio buono e caro che ci hanno raccontato, forse buono e caro non lo è poi così tanto, soprattutto nei confronti della piccola vita che ha concesso nascesse per poi crudelmente privarla della mamma.

In ogni caso sono certo che non dovesse andare così. E non trovo nessuna possibile, plausibile, lontana giustificazione in tutto questo come non l’ho trovata in altre situazioni tragiche e drammatiche prima e in quelle che ancora verranno, purtroppo.

Ciao Laura. Ora per il tuo bimbo sarai di più. Non solo la mamma ma il suo Angelo. Per sempre.

Ascolta i podcast

Segui PIER78 anche su TELEGRAM

0 Shares:

Lascia un commento

Se l'argomento è di tuo interesse, lascia un commento!

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Aspetta, forse potrebbe interessarti anche...
Leggi l'articolo

Uno. Ed uno soltanto.

Dopo una giornata campale, in cui sono rimbalzato un po’ dappertutto, non contento questa sera mi sono concesso…
Leggi l'articolo

Arrivederci, Professore

Sabato notte o nelle prime ore di domenica (giorno di Pasqua) se ne è andato il professore di…
Leggi l'articolo

Lettera al figlio

Caro Figlio mio, tra poche ore, circa un giorno, inizierà il nuovo anno che spero ti porti tanta…
Leggi l'articolo

La mia finale

Quando ancora ero arbitro F.I.G.C. e tornato alla OTP per la sezione di Vigevano, in occasione di un…
Leggi l'articolo

Fingere

Una delle cose che ho imparato durante gli anni di arbitraggio è stata imparare a fingere. Non lo…